Mostre

doppia personale antologica: da Sabato 27 settembre a sabato 25 ottobre 2014

Gino Gini e Fernanda Fedi un cammino tra Sacralità e Poesia:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

 

 

 

 

 

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

Gino Gini (Milano, 1939)
Dopo aver frequentato il Liceo Artistico ed essersi formato all’Accademia di Brera, comincia la propria attività artistica a partire dal 1968; da subito si interessa di Poesia Visiva e in particolare approfondisce gli aspetti della verbo- visualità, nello specifico della narrative art; promuove tra i primi la mail Art in Italia e, dal 1983, dà vita all’ Archivio Libri d’artista, sollecitando l’attenzione intorno a questo tema, organizzando mostre e scrivendo testi; Il libro d’artista resterà il suo territorio privilegiato con oltre 120 libri in copia unica.
Numerosissime le mostre personali (65) in Italia e all’estero; nel 1976 viene invitato alla 36° edizione della Biennale di Venezia e nel 2010 è artista e curatore (con F. Fedi) della IV Biennale Internazionale del libro d’artista alla Biblioteca Alexandrina in Egitto.
Attualmente (8 aprile – 15 giugno 2014) espone alcune sue opere alla Mostra: Nati nel ’30: Milano e la generazione di Piero Manzoni (Museo della Permanente a Milano) e alla Mostra: Dalla Poesia Concreta alla Poesia Visiva (Galleria Arionte Arte Contemporanea – Catania 3- 31 maggio)

Fedi foto Ivrea
Fernanda Fedi (Torino, 1940)
Ha compiuto studi artistici a Milano e Bologna, laureandosi con lode al DAMS con specializzazioni in Museologia, Museografia e Arte Terapia. Il suo percorso artistico e i suoi approfondimenti nel campo dei gruppi artistici degli anni ’70 (donna – artista e arte terapia) sono tutt’ora oggetto di studio per ricerche universitarie e tesi di laurea. Dopo una lunga ricerca nel campo strutturale (decennio ’68 – ’78), in cui spiccano le partecipazioni alla Quadriennale di Roma (1975) e la Biennale di Venezia (1976) e un periodo concettuale il cui motivo dominante è “l’assenza” (’79 – ’82), con la Biennale di Sao Paulo (1981) e l’esposizione al Museum contemporary art di Skopje (1981), a partire dal 1983 passa alla scrittura – segno, quale gesto della memoria, con particolare riferimento alla poesia, alla musica, alla scrittura antica ed arcaica reinterpretata.
Sono di questo periodo, che prosegue tutt’oggi, numerosissime Mostre personali e collettive tra cui si ricordano in particolare: Cenobio Visualità, Milano (1985); Antologica Museo Arte Moderna, Gallarate (1990); Washington Museum, Stati Uniti (1989 e 2006); Biennale Donna Palazzo Diamanti, Ferrara (1992); Galleria Vismara, Milano (1996 – ’99 – 2005); Biennale di Venezia (2007); MAC, Milano (2008); Museo Shangai, “I maestri di Brera”, Cina (2010); Galleria Quadrige, Nizza (2010) Biennale internazionale del libro d’Artista, Biblioteca Alexandrina, Egitto (2010); Biennale di Venezia, Torino (2011).